Occhi Rossi: Cause, Sintomi e Soluzioni

 

L'arrossamento degli occhi è un sintomo che può indicare diverse condizioni, dalle più comuni e temporanee fino a situazioni che richiedono l'attenzione di uno specialista. Questa problematica, che influenza sia l'aspetto estetico sia il benessere della vista, può derivare da fattori come allergie, infezioni, infiammazioni, traumi o un aumento della pressione oculare. Capire le cause dell'occhio rosso e conoscere i rimedi disponibili, è fondamentale per affrontare questo disagio efficacemente e velocemente.

In questo articolo vedremo insieme le principali cause degli occhi rossi, i principali sintomi associati ad essi, come dolore o bruciore, e alcuni consigli e soluzioni pratiche per curare gli occhi rossi ed eventuali sintomi collaterali.

Cos'è l'occhio rosso

Gli occhi rossi sono un disturbo comune che si manifesta con il rossore della sclera, la parte bianca dell'occhio, a causa della dilatazione dei piccoli vasi sanguigni.

Questa condizione può essere innescata da una varietà di fattori: tra questi, si possono individuare elementi interni all'organismo, come reazioni allergiche o infiammazioni, oppure il contatto con corpi estranei come particelle di polvere o l'uso eccessivamente prolungato di lenti a contatto.

I principali sintomi associati all'arrossamento degli occhi includono prurito, lacrimazione, sensibilità alla luce, percezione di un corpo estraneo nell'occhio, dolore o alterazioni nella visione.

Allo stesso tempo, è importante riconoscere che l'arrossamento degli occhi può essere transitorio o persistente. Mentre l'arrossamento transitorio di solito si risolve da solo in massimo due giorni, l'arrossamento persistente può essere motivo di preoccupazione e richiede una valutazione da parte di un oculista.

Principali cause degli occhi rossi

Come abbiamo detto, le cause principali degli occhi rossi sono fondamentalmente legate a reazioni a corpi estranei, oppure a risposte dell'organismo nei confronti di infezioni e irritazioni.
Tra i fattori esterni, sono solitamente rilevati:

  • Aria secca, che si può rilevare sia negli ambienti chiusi che all'aperto;
  • Polvere e altri irritanti, come il fumo, la salsedine del mare o il cloro delle piscine;
  • Un'eccessiva esposizione al sole, che può anche provocare secchezza oculare;
  • L'utilizzo elevato di dispositivi elettronici, quali computer e smartphone, con quest'ultimo in particolare per la dimensione ridotta dei caratteri sullo schermo, che può condurre ad una maggiore stanchezza degli occhi;
  • Traumi oculari o la presenza di corpi estranei, che porta il corpo a reagire con una abbondante lacrimazione oculare;
  • L'utilizzo prolungato di lenti a contatto, che può legarsi anche ad altri fattori come le allergie stagionali.

Tra i fattori interni all'organismo, invece, sono incluse alcune patologie più o meno gravi, che possono indurre all'arrossamento progressivo della sclera:

  • Malattie dell'occhio: tra queste sono diffuse l'uveite, la sclerite o l'orzaiolo;
  • Allergie: alcune di queste possono indurre all'arrossamento degli occhi come risposta all'irritazione delle vie respiratorie.
    Ad esempio:
  1. Le tipiche allergie primaverili, in cui moltissimi pollini si diffondono nell'aria, colpiscono l'occhio sia dall'interno che con corpi estranei; anche durante il resto dell'anno possono manifestarsi risposte immunitarie dovute a diversi allergeni, come la rinite o reazioni agli acari della polvere.
     
  2. Fattori e abitudini poco salutari: una routine del sonno alterata, lo stress fisico o psicologico, sono cause frequenti degli occhi rossi.

È fondamentale riconoscere che, sebbene molti di questi fattori possano essere gestiti con rimedi semplici o piccole modifiche dello stile di vita, qualora l'arrossamento o altri sintomi degli occhi si presentassero per diversi giorni, è sempre necessario consultare un medico specialista.

Sintomi collaterali associati agli occhi rossi

Gli occhi rossi possono essere accompagnati da una varietà di sintomi che variano a seconda dell'individuo e della causa correlata. Questi sintomi aggiuntivi sono cruciali per comprendere la gravità della condizione e decidere il corso d'azione più appropriato. Tra i sintomi più comuni ci sono:

  • Prurito agli occhi;
  • Dolore, inclusa la sensazione di dolore dietro agli occhi;
  • Problemi di visione, come vista offuscata o annebbiata;
  • Maggiore sensibilità alla luce;
  • Lacrimazione eccessiva;
  • Presenza di secrezioni gialle o verdi, spesso collegate a congiuntivite allergica o infettiva;
  • Sensazione di un corpo estraneo nell'occhio.

L'insorgenza di uno o più sintomi contemporaneamente all'arrossamento oculare può essere il segnale di una condizione patologica in corso; in questi casi, ricorda di medicare il sintomo con strumenti adeguati, ma di considerare anche un quadro d'insieme, soprattutto qualora dovesse persistere per diverso tempo.

Rimedi casalinghi e quando consultare il medico

Per affrontare efficacemente gli occhi rossi, è possibile ricorrere ad alcuni semplici rimedi, anche casalinghi, per alleviare le sensazioni di disagio.
Ad esempio:

  • Compressa Calda o Fredda: Alternare l'applicazione di compresse calde e fredde può ridurre l'infiammazione e migliorare la circolazione, alleviando al contempo la possibile sensazione di bruciore agli occhi.
  • Impacchi con infusi Naturali: Effettuare un lavaggio con un impacco con ingredienti naturali come malva, camomilla, eufrasia o amamelide può essere utile per idratare gli occhi e favorirne il risciacquo, specialmente in presenza di corpi estranei.
  • Pausa dallo Schermo: durante la quotidianità, ricorda di prenderti delle pause dallo schermo per non affaticare eccessivamente i tuoi occhi.
  • Protezione: Utilizza caschi con visiera e sistemi di protezione durante l'uso di motorini o biciclette per limitare l'esposizione all'aria o alle particelle, e utilizzare occhiali da sole per proteggersi dai raggi solari.
  • Limitare l'uso delle lenti a contatto: se ti è possibile, cerca di limitare l'utilizzo delle lenti a contatto al tempo indicato per ciascun tipo, avendo cura di risciacquarle accuratamente dopo l'uso; cerca anche di verificare se sei suscettibile a sintomi legati alle allergie stagionali quando le utilizzi, per ridurre il rischio di irritazione.

I sintomi più comuni possono essere affrontati con rimedi semplici, e spesso questi si risolvono in pochi giorni.

Al contempo, un approccio preventivo può aiutare a mantenere una routine sana e ad evitare l'insorgenza di disturbi di questo tipo, specialmente di carattere infettivo.

Prevenzione dell'arrossamento oculare

Per prevenire efficacemente l'arrossamento oculare e mantenere gli occhi sani, è importante adottare alcune pratiche quotidiane e fare attenzione a determinate abitudini. Ecco alcune strategie chiave per l'igiene quotidiana dei tuoi occhi:

  • Pulizia Palpebrale: Puoi svolgere risciacqui alle palpebre e al contorno occhi utilizzando una garza imbevuta di soluzione salina; questo aiuta principalmente a mantenere l'occhio idratato e pulito.
  • Igiene delle Lenti a Contatto: Abbiamo visto che, nei soggetti particolarmente sensibili, possono verificarsi peggioramenti dei sintomi dovuti alla concomitanza di allergie e l'uso delle lenti a contatto.
    Per questi motivi, ricorda di lavare sempre le mani adeguatamente prima di maneggiare le lenti, e di alternarle agli occhiali per non affaticare eccessivamente gli occhi.

Altrettanto, la prevenzione dell'arrossamento passa anche dall'adozione di abitudini sane per il benessere dei tuoi occhi, quali:

  • Pausa dallo Schermo: Adottare la regola 20-20-20 durante l'uso prolungato di dispositivi elettronici per ridurre l'affaticamento oculare.
    Per fare questo, ricorda di distogliere lo sguardo dallo schermo più o meno ogni 20 minuti, fissando un punto a circa 20 piedi di distanza (6 metri circa) per 20 secondi.
  • Protezione: Indossare occhiali da sole e cappelli quando si è all'aperto ti aiuterà a ridurre l'esposizione ai raggi UV e ai corpi estranei presenti nell'aria. 
  • Condizioni ambientali ottimali: Specialmente se sei soggetto alle allergie stagionali, cerca di ridurre il tempo trascorso all'aperto nei periodi in cui le piante disperdono i propri pollini nell'aria.
    Allo stesso modo, negli spazi chiusi adotta soluzioni per mantenere la corretta qualità dell'aria, come umidificatori per gli ambienti secchi o condizionatori dedicati per quelli più umidi.
  • Alimentazione: Consumare cibi ricchi in vitamine A, C ed E può contribuire all'idratazione e al generale benessere degli occhi.

Adottando queste misure preventive, è possibile ridurre significativamente il rischio di arrossamento degli occhi, contribuendo al contempo al mantenimento della loro salute e al generale benessere del proprio corpo.

Conclusioni

Abbiamo visto come l'arrossamento oculare possa essere causato da diversi fattori, ambientali o interni all'organismo, e come i sintomi correlati possano essere affrontati con soluzioni pratiche e misure preventive. Riconoscere i sintomi associati a tale disturbo e sapere quando è essenziale consultare un medico rappresentano passi cruciali per mantenere la salute degli occhi e prevenire complicanze ulteriori. Il benessere dei nostri occhi è fondamentale per la qualità della vita; quindi, un approccio informato è sempre la strategia migliore.

Leggi anche

occhi rossi mare euphralia

Occhi rossi al mare: rimedi e soluzioni

Per saperne di più
occhi rossi euphralia

Occhi rossi piscina: cause, rimedi e consigli per prevenirlo

Per saperne di più
occhio secco euphralia

Occhio secco: cause, sintomi e rimedi

Per saperne di più
allergy

Occhi e allergia: cosa fare?

Per saperne di più